Passa ai contenuti principali

Beni culturali: Centomila euro a Casa Matteotti


Nella serata di lunedì (21 luglio ndr) il Consiglio superiore dei beni culturali ha comunicato il parere positivo sull’intervento di ristrutturazione chiesto da Comune e Accademia dei Concordi. Il parlamentare democratico polesano Diego Crivellari soddisfatto per il contributo del Ministero

Roma - “Il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo ha assegnato nella serata di ieri centonovemila euro alla Casa Museo Giacomo Matteotti di Fratta Polesine”.
L’on. Diego Crivellari ha accolto con soddisfazione quanto comunicato dal Consiglio superiore per i Beni Culturali che ha avallato la possibilità da parte del Mibac di finanziare un intervento di ristrutturazione dell’edificio della casa museo a causa del deterioramento provocato prevalentemente dall’elevata umidità.
“Mi ero impegnato - continua  l’on.Crivellari - affinché non si rimandassero troppo a lungo gli interventi necessari per mantenere in perfetto stato casa Matteotti, non solo per il valore architettonico dell’edificio ma anche per la storia che esso rappresenta, dal maggio del 2012 è un sito museale attivo aperto al pubblico che ha visto un crescendo di visitatori, coronato con un picco di presenze quest’anno in occasione del 90esimo anniversario dell’uccisione del politico polesano.
Il Comune di Fratta Polesine e l’Accademia dei Concordi avevano inoltrato la richiesta nell’aprile scorso e oggi in meno di tre mesi è arrivata la risposta attesa e positiva. Penso inoltre che sia la dimostrazione, come in momento di maglie strette per ottenere risorse, quando le finalità sono importanti e le istituzioni e la politica si muovono in maniera coordinata, come accaduto in questa occasione, i risultati non tardano.
Ricordo che casa Matteotti aveva già ricevuto contributi per oltre un milione di euro dal Ministero per i primi lavori di ristrutturazione, che appunto in pochi anni avevano permesso l’apertura del museo.
La soddisfazione - conclude Crivellari - è forte duplice, perché oltre che continuare a credere nel progetto museale di Fratta Polesine, come in occasione dell’evento che abbiamo organizzato a Rovigo e nella stessa Fratta pochi mesi fa il momento storico, l'attualità politica, il domani del rinnovamento degli enti locali possono e hanno il dovere di passare per l’insegnamento politico ed amministrativo che ha lasciato Giacomo Matteotti”.

Post popolari in questo blog

Il delitto Matteotti su “Il Becco Giallo”, 22 giugno 1924

Uno dei più diffusi fogli satirici dell’epoca “Il Becco Giallo” dedicò un intero numero, a pochi giorni dal fatto, alla sparizione di Giacomo Matteotti.
Firma R L (Rata Langa ? -> Gabriele Galantara ?)

Di seguito, l’eloquente prima pagina


Dall’articolo di apertura:

“Ancor oggi, quando l’anima è avvelenata e il cuore affranto, ancor oggi dobbiamo adoperare in questo foglio le nostre armi di lotta: lo scherno, la satira, l’ironia, il disprezzo. Quanto volentieri vorremmo tacere nel nostro dolore! Quanto vorremmo non affrontare questa tremenda contraddizione di scrivere come scriviamo mentre nella nostra mente tumultuano ricordi tristi e visioni tragiche e mentre nella nostra penna spuntano solo maledizioni! Ma ricordiamo anche quando, con quel suo sorriso aperto e buono degli uomini di acciaio, Giacomo Matteotti ci incoraggiava, ci incitava in qualche ora di dubbio, a lanciar nella mischia questo nostro giornale, a perseverare, a non stancarci come mai Egli non si stancava…”

Nello s…

Dove fu ritrovato Giacomo Matteotti (Riano): un monumento

Dove fu ritrovato il corpo di Giacomo Matteotti (16 agosto 1924), nel bosco della Quartarella a Riano è ora visibile questo monumento.

Tessera del Partito Socialista Unitario (PSU) 1924

Tessera del Partito Socialista Unitario (PSU) 1924 esposta nella mostra su Matteotti della Fondazione Anna Kuliscioff a Milano.
Giustizia