Passa ai contenuti principali

Scalarini per Matteotti: presentazione del libro alla Fondazione Anna Kuliscioff

Fondazione Anna Kuliscioff, Giovedì 5 giugno 2014 – ore 11, Presentazione della raccolta: “Scalarini per Matteotti”.
In copertima il mio logo Matteotti 90 e a pagina 3: Infine la Fondazione Anna Kuliscioff ringrazia Fabrizio Pivari di “Giacomo-Matteotti.tuarovigo.com” che per primo ha avuto l’idea di comporre “Scalarini per Matteotti”.
Mi sono stati concessi 5 minuti per presentare il volume. Per avere una traccia, avevo preparato le seguenti slide
non si potranno proiettare slide, andrò a braccio (o con foglietti).
I punti fondamentali che vorrei trattare:

  1. L'ignoranza su uno specifico argomento e la volontà di sconfiggerla possono portare a nuovi approcci
  2. Giacomo Matteotti era polesano, nato e sepolto a Fratta Polesine, a Fratta Polesine ci sono la sua tomba e la sua casa/museo
  3. Giacomo-Matteotti.tuarovigo.com nasce con l'intento di far sapere questo e raccogliere e rendere visibile a tutti materiale sparso per pochi eletti
  4. Un sito richiede immagini e grafica: la scoperta di Giuseppe Scalarini
  5. scalarini.it
  6. La visita della splendida mostra su Scalarini al Museo del 900 di Milano con il nipote Ferdinando Levi
  7. Il rammarico che non fosse stato fatto un libro
  8. Il contatto con la Fondazione Anna Kuliscioff e Marina Cattaneo
  9. La proposta di una mostra e di una pubblicazione Scalarini per Matteotti
  10. La realizzazione della fondazione
Scalarini racconta Giacomo Matteotti
Scalarini racconta Giacomo Matteotti

Post popolari in questo blog

A Vicenza Giacomo Matteotti è un uomo politico

Ringrazio Flavio di questa fotografia che evidenzia come a Vicenza la piazza Giacomo Matteotti sia dedicata ad un uomo politico.


Dove fu ritrovato Giacomo Matteotti (Riano): un monumento

Dove fu ritrovato il corpo di Giacomo Matteotti (16 agosto 1924), nel bosco della Quartarella a Riano è ora visibile questo monumento.

Votate Matteotti!

Votate Matteotti!
fotografia di Paolo Monti del 1965 che ritrae uno slogan elettorale dipinto su un muro a Venezia.

(da Wikipedia)