Passa ai contenuti principali

Qual'è l'abisso

Qual'è l'abisso - Il Piccolo 22 e 23-8-1924
Torino, 22 agosto.
La Stampa osserva che mentre gli avanzi di Matteotti scendono alfine al riposo del sepolcro, infuria più che mai la lotta politica.
Però l'abisso invalicabile non esiste già tra Fascismo ed Opposizione, ma tra Fascismo e Popolo italiano, perché non c'è possibilità di intendersi tra chi concepisce la violenza delittuosa e antisociale e che, come il popolo italiano, parla il linguaggio della coscienza morale.
Il giornale formula un fervido augurio, perché la pace venga ridata all'Italia "anche se la fazione che l'impedisce possa essere minima e completamente isolata" e così conclude:
"Certo che noi - e per noi intendiamo la grande maggioranza del popolo italiano - non possiamo abbandonare di un solo millimetro il terreno morale su cui ci moviamo. Non può essere il popolo italiano ad abiurare o semplicemente a porre in disparte quei principi morali su cui poggia la stessa possibilità di convivenza coi popoli dell'Europa civile".

Giornale consultato nella collezione del Museo Matteotti.
testata Il Piccolo

Post popolari in questo blog

Il delitto Matteotti su “Il Becco Giallo”, 22 giugno 1924

Uno dei più diffusi fogli satirici dell’epoca “Il Becco Giallo” dedicò un intero numero, a pochi giorni dal fatto, alla sparizione di Giacomo Matteotti.
Firma R L (Rata Langa ? -> Gabriele Galantara ?)

Di seguito, l’eloquente prima pagina


Dall’articolo di apertura:

“Ancor oggi, quando l’anima è avvelenata e il cuore affranto, ancor oggi dobbiamo adoperare in questo foglio le nostre armi di lotta: lo scherno, la satira, l’ironia, il disprezzo. Quanto volentieri vorremmo tacere nel nostro dolore! Quanto vorremmo non affrontare questa tremenda contraddizione di scrivere come scriviamo mentre nella nostra mente tumultuano ricordi tristi e visioni tragiche e mentre nella nostra penna spuntano solo maledizioni! Ma ricordiamo anche quando, con quel suo sorriso aperto e buono degli uomini di acciaio, Giacomo Matteotti ci incoraggiava, ci incitava in qualche ora di dubbio, a lanciar nella mischia questo nostro giornale, a perseverare, a non stancarci come mai Egli non si stancava…”

Nello s…

Dove fu ritrovato Giacomo Matteotti (Riano): un monumento

Dove fu ritrovato il corpo di Giacomo Matteotti (16 agosto 1924), nel bosco della Quartarella a Riano è ora visibile questo monumento.

Tessera del Partito Socialista Unitario (PSU) 1924

Tessera del Partito Socialista Unitario (PSU) 1924 esposta nella mostra su Matteotti della Fondazione Anna Kuliscioff a Milano.
Giustizia