Passa ai contenuti principali

Vedova Matteotti e Tita Ruffo baritono lasciano la tomba dopo i funerali di Giacomo Matteotti, Fratta Polesine, 21 agosto 1924

Fotografia originale Vedova Matteotti e il fratello Tita Ruffo baritono lasciano tomba dopo i funerali di Giacomo Matteotti a Fratta Polesine, 21 agosto 1924.
Si ringrazia per il prezioso materiale La Bottega del ciabattino dall'archivio di Franco Senestro.
Vedova Matteotti e Tita Ruffo baritono lasciano tomba dopo i funerali di Giacomo Matteotti, Fratta Polesine, 21 agosto 1924
Vedova Matteotti e Tita Ruffo baritono lasciano la tomba dopo i funerali di Giacomo Matteotti, Fratta Polesine, 21 agosto 1924 dall'archivio di Franco Senestro

Post popolari in questo blog

A Vicenza Giacomo Matteotti è un uomo politico

Ringrazio Flavio di questa fotografia che evidenzia come a Vicenza la piazza Giacomo Matteotti sia dedicata ad un uomo politico.


Matteotti e la Sacra Famiglia in un'osteria polesana (Gian Antonio Cibotto)

Riporto da Cronache dell'alluvione di Gian Antonio Cibotto

Ad un certo punto, Lupo scorge l'insegna di un'osteria e decide subito di farvi una capatina, nella speranza di rinfrescarsi la gola. Chinandoci - la porta è sufficientemente larga - entriamo. Dev'essere la sala principale perché noto il banco, sei tavoli, molte sedie di paglia rovesciate all'ingiù e, appesi al muro, il ritratto di Matteotti, della Sacra Famiglia, un'ordinanza contro la moria del bestiame e, bene in vista, la licenza di esercizio esposta in una cornice nera, nella quale sono incastrate pure le foto di Bartalie e di un reduce dell'Africa Orientale. Mentre Lupo e gli altri infilano annaspando la scaletta di legno che porta al primo piano, nella speranza di stanare qualche bottiglia, resto ad aspettarli sdraiato sulla barca, con le mani a cuscino sotto la testa. Mi scrutano fissi ed inquisitori il volto emaciato del martire socialista e quello diafano della Madonna (il Bambino e San Giu…

Votate Matteotti!

Votate Matteotti!
fotografia di Paolo Monti del 1965 che ritrae uno slogan elettorale dipinto su un muro a Venezia.

(da Wikipedia)