Passa ai contenuti principali

Iniziativa per il 90° anniversario dell'assassinio di Giacomo Matteotti a Rovigo

Nell'ambito delle iniziative promosse dal Comitato Provinciale appositamente costituito in occasione del 90° anniversario del delitto Matteotti, mercoledì 11 giugno alle ore 17.00 presso la sala Sichirollo dell'Archivio di Stato, in via Sichirollo, 11, gli studiosi Mario Quaranta, Valentino Zaghi e Lodovica Mutterle hanno rispettivamente presentato tre opere dedicate alla figura del martire socialista, che, pur pubblicate negli anni passati e poco diffuse, mantengono ancora oggi una inattesa attualità d'interesse.
Ritenuto opera fondamentale è il volume Giacomo Matteotti, la vita per la democrazia, pubblicato nel 1993 a cura di Mario Quaranta, che raccoglie gli atti del Convegno internazionale organizzato nel 1990 dall'Associazione culturale Minelliana. Il secondo volume contiene la prima biografia di Giacomo Matteotti scritta dal suo ultimo segretario personale Aldo Parini, manoscritto scoperto a Torino presso il Centro Studi Piero Gobbetti ed edito dalla Minelliana nel 1998, a cura di Marco Scavino e Valentino Zaghi. Il terzo contributo riguarda una raccolta di sei importanti saggi sulla figura e il pensiero di Matteotti, contenuti nel 5° numero del periodico "Studi Polesani - nuova serie", uscito nel 2012, ancora per l'editrice Minelliana.
Giacomo Matteotti La vita per la democrazia a cura di Mario Quaranta, Minelliana
Giacomo Matteotti La vita per la democrazia
La vita di Giacomo Matteotti, Aldo Parini, Minelliana
La vita di Giacomo Matteotti, Aldo Parini, Minelliana

Post popolari in questo blog

Il delitto Matteotti su “Il Becco Giallo”, 22 giugno 1924

Uno dei più diffusi fogli satirici dell’epoca “Il Becco Giallo” dedicò un intero numero, a pochi giorni dal fatto, alla sparizione di Giacomo Matteotti.
Firma R L (Rata Langa ? -> Gabriele Galantara ?)

Di seguito, l’eloquente prima pagina


Dall’articolo di apertura:

“Ancor oggi, quando l’anima è avvelenata e il cuore affranto, ancor oggi dobbiamo adoperare in questo foglio le nostre armi di lotta: lo scherno, la satira, l’ironia, il disprezzo. Quanto volentieri vorremmo tacere nel nostro dolore! Quanto vorremmo non affrontare questa tremenda contraddizione di scrivere come scriviamo mentre nella nostra mente tumultuano ricordi tristi e visioni tragiche e mentre nella nostra penna spuntano solo maledizioni! Ma ricordiamo anche quando, con quel suo sorriso aperto e buono degli uomini di acciaio, Giacomo Matteotti ci incoraggiava, ci incitava in qualche ora di dubbio, a lanciar nella mischia questo nostro giornale, a perseverare, a non stancarci come mai Egli non si stancava…”

Nello s…

Dove fu ritrovato Giacomo Matteotti (Riano): un monumento

Dove fu ritrovato il corpo di Giacomo Matteotti (16 agosto 1924), nel bosco della Quartarella a Riano è ora visibile questo monumento.

Tessera del Partito Socialista Unitario (PSU) 1924

Tessera del Partito Socialista Unitario (PSU) 1924 esposta nella mostra su Matteotti della Fondazione Anna Kuliscioff a Milano.
Giustizia