Passa ai contenuti principali

Perché il monumento di Giacomo Matteotti a Pescia è il primo d'Italia?

Perché il monumento di Giacomo Matteotti a Pescia (di Alfredo Angeloni) è il primo d'Italia?
Riporto dall'opuscolo a firma Cesare Bocci: Presentazione del restauro del monumento a Giacomo Matteotti giardini pubblici omonimi Pescia 16 giugno 2012:
Matteotti a Pescia
Nell'ottobre del 1920 il partito socialista conquistò la maggioranza consiliare del municipio di Pescia. Le urne relegarono il partito popolare all'opposizione e tennero fuori dal consiglio comunale la lista Unione Ordine Libertà e Progresso, formata da liberali e radicaldemocratici. Divenne sindaco il falegname artigiano Alberto Sainati e fu eletto assessore il parrucchiere artigiano Arduino Ferruccio Borelli, il quale nell'aprile del 1945 sarà chiamato dal partito socialista a presiedere il comitato organizzatore la giornata del 10 giugno. Tra le prime decisioni della giunta socialista vi fu la nuova tassazione dei redditi: per poter realizzare le opere utili alla comunità occorreva alzare il prelievo comunale su ceti medi e alti e a tal scopo furono approntate e approvate dal consiglio comunale percentuali della tassa di famiglia che incidevano sulla fascia di contribuenti più agiata. La delibera fu respinta dalla prefettura di Lucca e per evitare il ripetersi di tale decisione, l'amministrazione socialista chiese parere alla Lega dei comuni socialisti e al deputato Giacomo Matteotti (verbale del consiglio comunale di Pescia 17 marzo 1921). Nonostante due nuove proposte, la prefettura non dette parere positivo al provvedimento e nel settembre 1921, protestando contro l'impossibilità di governare, i socialisti si dimisero dal consiglio comunale.
Il 26 giugno 1924 l'organo diocesano Il popolo di Valdinievole titolò a commento dell'ormai accreditato delitto Matteotti Delitto Esecrando e Il valore di una preghiera; il 23 agosto 1924, poco dopo il ritrovamento del cadavere, Mikros firmò, L'ombra del morto, un articolo in cui si rendevano note le difficoltà in cui si trovava Mussolini e il suo governo , e si criticava la violenza del Fascismo.
Il braccio destro di Mussolini, Cesare Rossi, e il suo segretario nonché cugino, Alarico Nucci, ambedue nativi di Pescia, furono coinvolti a vario titolo nel processo successivo al delitto Matteotti e poi, considerati oppositori al regime, subirono anni di condanna al confino dal Tribunale Speciale fascista.
Questi legami tra Pescia e Matteotti non furono rammentati né dagli oratori socialisti che intervennero nella cerimonia di dedica del monumento né dalla stampa locale diocesana.
monumento Giacomo Matteotti, Pescia - Associazione Quelli con Pescia nel cuore
monumento Giacomo Matteotti, Pescia - Associazione Quelli con Pescia nel cuore

Post popolari in questo blog

A Vicenza Giacomo Matteotti è un uomo politico

Ringrazio Flavio di questa fotografia che evidenzia come a Vicenza la piazza Giacomo Matteotti sia dedicata ad un uomo politico.


Votate Matteotti!

Votate Matteotti!
fotografia di Paolo Monti del 1965 che ritrae uno slogan elettorale dipinto su un muro a Venezia.

(da Wikipedia)


Dove fu ritrovato Giacomo Matteotti (Riano): un monumento

Dove fu ritrovato il corpo di Giacomo Matteotti (16 agosto 1924), nel bosco della Quartarella a Riano è ora visibile questo monumento.